Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. I, sent. 12 giugno 2014, Marić c. Croazia

La sentenza 12 giugno 2014, Marić c. Croazia riguarda le modalità di eliminazione di un feto nato morto presso un ospedale.

Il caso trae origine dalla vicenda occorsa a un cittadino croato, padre di un bambino nato morto nell'agosto del 2003 nel corso del nono mese di gravidanza della moglie. A seguito del parto, il ricorrente e la moglie decidevano di non portare con sé la salma del piccolo, affidando alle autorità sanitarie il compito di provvedere all'autopsia e alla susseguente sepoltura.
Effettuato l'esame autoptico, l'ospedale provvedeva all'eliminazione della salma del neonato unitamente ad altri rifiuti speciali sanitari. Il corpo era, così, trasportato presso un crematorio del cimitero di Zagabria. Dopo qualche mese, i genitori del piccolo nato morto si rivolgevano all'ospedale per conoscere il luogo di sepoltura del figlio. Non riuscivano, tuttavia, ad ottenere alcuna informazione al riguardo.

In seguito a questo rifiuto, il ricorrente iniziava parallelamente due azioni giudiziarie, in sede civile e penale, per verificare se la dismissione del cadavere del bimbo nato morto fosse avvenuta nel rispetto della legge. . . .

Continua a leggere >>
tag:

Maternità surrogata: l’Italia condannata dalla CEDU

Si torna a parlare di gestazione per altri e la Corte di Strasburgo condanna l’Italia.

I genitori sterili approfittano sempre più spesso dell'opzione della maternità sostitutiva per avere un figlio. Ma la maggior parte degli stati membri del Consiglio d'Europa proibisce la maternità sostitutiva, il che obbliga molte coppie ad andare oltreoceano per accedervi, come negli Stati Uniti o in India o in Russia, dove esistono cliniche specializzate per agevolare il processo di ricerca di madri surrogate per coppie sterili provenienti dall'estero. . . .

Continua a leggere >>

Il diritto di visita dei nonni è garantito anche da Strasburgo

La sentenza è stata emessa dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo il 20.01.2015 (Deuxième Section – Affaire Manuello ed Nevi c. Italie - Requête n. 07/10): il ruolo dei nonni è pari a quello dei genitori, almeno per quanto riguarda il diritto di visita sui nipoti. Con la conseguenza che, in caso di separazione dei genitori, i nonni hanno il diritto ineliminabile di incontrare i minori, senza ostacoli di alcun genere, se ciò non si ripercuote in pregiudizio per gli stessi minori.

Il caso ha fatto scalpore perché questa volta a sollevare il caso sono stati due nonni e non un genitore.

C’è da fare, innanzitutto, una precisazione. . . .

Continua a leggere >>