Foto e post pubblicati su FB utilizzabili in sede giudiziaria

Da un articolo pubblicato dall' A.M.I. (Associazione Matrimonialisti Italiani), che ripropongo perché interessante e strettamente pertinente ai temi trattati dal presente blog.

Lo ha stabilito una recente pronuncia di merito (Trib. Santa Maria Capua Vetere – Ordinanza del 13/6/2013) in un procedimento di modifica delle condizioni di separazione ex art. 710 c.p.c.
Nel caso deciso dal Tribunale sammaritano, i giudici hanno ritenuto (in linea con la Giurisprudenza maggioritaria) che l’instaurazione di una convivenza more uxorio stabile da parte del coniuge che vanta, o potrebbe vantare, un interesse al mantenimento, incide sul diritto di questi, determinandone la sospensione. . . .

Continua a leggere >>
tag:     

Ma quanto deve costare il Registro delle Opposizioni?

Mi imbatto nella lettura della Gazzetta Ufficiale n° 61 del 13-3-2013 e precisamente nel Decreto 11 gennaio 2013 del Ministero dello Sviluppo Economico intitolato "piano preventivo dei costi di funzionamento del Registro delle Opposizioni".

Scorro il testo, lo leggo e lo rileggo perché non riesco a comprendere la tabella dei costi ma alla fine ci sono: il Registro delle Opposizioni costa a carico dei cittadini 3 milioni di euro all'anno. Ah, IVA esclusa, che sia chiaro, e quindi oltre 3.500.000,00 di euro all'anno.

La cosa mi colpisce molto perché personalmente ho lottato non poco con il Registro Pubblico delle Opposizioni - per riuscire a inserire il numero del mio studio - e per il fatto che alla fine, nonostante l'avvenuta registrazione, le telefonate promozionali continuano come se nulla fosse.

. . .

Continua a leggere >>